Parco nazionale Val Grande . Immagini e riflessioni - apassolento.com
54411
post-template-default,single,single-post,postid-54411,single-format-standard,theme-borderland,eltd-core-1.0.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,hide_inital_sticky,wpb-js-composer js-comp-ver-7.4,vc_responsive

Parco nazionale Val Grande

Riflessioni nate pensando ad una prima volta

Il 2 marzo di 30 anni fa veniva istituito a Parco nazionale uno dei miei luoghi del ❤

parco nazionale val grande

Ero poco più che ventenne quando mi sono trovato per la prima volta sui suoi sentieri, fu una Cicogna – Pian di Boit.

Di quel giorno ho alcune immagini, i ciliegi selvatici in fiore, i giochi dell’erba a Casale dei Galli e le foto in bilico sulle rocce, ma soprattutto ho le sensazioni. Lo stupore attraversando la galleria che porta nella “piccola capitale”, il costante sciabordio dell’acqua, il silenzio, il gioco di calore e ombra tra boschi e radure…

parco nazionale val grande

Io che crescevo a romanzi fantasy, a storie di frontiera, avventura, viaggio che è anche ricerca interiore e crescita personale rimasi folgorato da quei luoghi: una minuscola roccaforte anarchica dove uomo ambiente e persone erano legate dal rispetto per sè e per gli altri due.

Entrare

Entrare è di una “semplice semplicità”.

Fermarsi voleva dire lasciare il superfluo, andare a fondo e riappropiarsi del significato di gesti e piccole cose.

“Non stiamo traversando i Liskamm”.

Qui il camminare è prima di tutto cuore e mente e solo dopo gambe e fatica, a volte anche madornale. Una “semplice semplicità” che accetti ben volentieri perchè questa fatica è ancora più vera che altrove, è il filo che ti unisce alle storie che fanno capolino dietro ogni curva.

Invero la valle non manca di scontentare molte delle persone che vi entrano, forse impermeabili alle storie e convinte di pararsi presto davanti a immensa magnificenza lungo i suoi sentieri. Qui tutto è semplice, poco o niente è immenso da sfamare un ego.

Più volte ho sentito dire, una volta che i passi si sono fermati in quei punti dove lo sguardo può abbracciare l’orizzonte: “guarda che wilderness!”, con il tono e gli occhi di chi se lo ripete più per convincersene che per convinzione.

Probabilmente è per questo che tanto è cambiato negli anni, e sta ancora cambiando.

Tanto verticale da essere a volte vertiginosa

Claustrofobica

Verde e azzurra

Un mondo fatto di piccole cose

Bellezza

parco nazionale val grande

Parco nazionale Val Grande. Parco nazionale Val Grande

Tags:
gionata pensieri
No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.