fbpx
Escursioni al tempo del coronavirus: autoresponsabilità - apassolento.com
53382
post-template-default,single,single-post,postid-53382,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_right,hide_inital_sticky,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Escursioni al tempo del coronavirus: autoresponsabilità

Escursioni e coronavirus: riflessioni dalla #fase2.

TUTTO PIAN PIANO TORNA ALLA NORMALITÀ

4 maggio 2020.

Diario di bordo.

Poter stare in natura dopo tutto quello che è successo ci ricorda ancor più quanto ne facciamo parte.

Noi siamo natura; e stare in “casa” ci fa star bene.

TUTTO PIAN PIANO TORNA ALLA NORMALITÀ

Anche se la situazione qui è un po’ un casino.

Le linee guida sono quelle del prendere del tempo per te, da soli o esclusivamente con quelle persone che in fin dei conti pensi possano darti del tempo vero, costruttivo, importante.

Evitare luoghi affollati e di affollarli, evitare il caos… poi c’è che se abiti nel lecchese si può uscire, ma solo nel territorio comunale e con i pattini a rotelle, e nessun milanese, comasco, monzese che sia potrà venire a romperti i coglioni; il triangolo lariano è invece un ginepraio di ordinanze, aperture e restrizioni… di fatto prima di andare in qualsiasi luogo in Lombardia occorre spulciare l’albo pretorio del comune in questione per capire se hanno vietato accessi o attività.

MA TUTTO PIAN PIANO TORNA ALLA NORMALITÀ

Le persone che incontro si dividono in due categorie nette: lo sconosciuto che vuole sorriderti anche se lo stai incrociando in macchina, e quello che è ancora in preda al pessimismo.

Ascoltando le parole di quest ultimi, intervallate da esternazioni di odio e collera, mi chiedo con questa propensione come possa non essere difficile ed incerto il loro “rientro”. Le persone che leggo fanno per lo più parte di questa seconda categoria, magari fuori sono anche persone diverse, o forse la protezione dello schermo permette loro di mettere a nudo ansie, rancori e paure, o forse ancora in questo modo hanno la parvenza di sentirsi parte di qualcosa, di non sentirsi “i soli”, o forse tutte queste cose assieme.

In questo senso poco è cambiato.

In ogni caso: ora e fino a dietrofront normativo (speriamo di no) si può uscire.

Ricordate sempre e comunque che la libertà di tutti è responsabilità di ciascuno di noi.

Le norme igieniche e le precauzioni sanitarie già le conoscete, è inutile che ve le ripeta anche io.

Autoresponsabilità.

Tutto pian piano torna alla normalità

ESCURSIONI SÌ, ESCURSIONI NO

Il problema più grande, tutto italiano, è che le leggi bisognerebbe limitarsi a leggerle, non a volerle interpretare ad ogni costo. L’analisi del testo dovrebbe fare il resto. Ci pensano poi i successivi decreti attuativi a chiarire gli ambiti specifici di non applicazione.

Ma tant’è, ecco fatta la legge ecco la corsa al portare acqua al proprio mulino.

VOGLIA DI RI-PARTIRE

Prendi e vai, ma fallo con il cervello.

QUI ti linko un articolo che ho scritto e che potrebbe fare al caso tuo se vuoi darti a qualche piccola avventura.

Ho due citazioni per te, il primo è Nico Cereghini

“Casco ben allacciato, luci sempre accese anche di giorno, e prudenza, sempre”.

La seconda è di Annie Dillard

“Non esistono eventi ma pensieri e le difficili svolte del cuore, il suo lento imparare ad amare e chi amare. Il resto non sono che storie e pettegolezzi per altri momenti”.

Non perderti dietro cose inutili, persone, situazioni. Impara a valutare cosa veramente conta per te, a dare il giusto peso. Seleziona. Scegli.

QUI invece il link all’articolo del Cai (Club Alpino Italiano) che vi riassume la situazione normativa regione per regione circa l’escursionismo ai tempi del coronavirus in questa fase2.

Il loro articolo è in costante aggiornamento per cui ritengo più pratico segnalarvi il loro lavoro piuttosto che dirvi cosa è possibile fare ora, che magari sarà del tutto diverso da quello che si potrà fare settimana prossima.

Avatar
gionata pensieri
No Comments

Post a Comment

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.